Questo sito utilizza servizi di statistiche esterni alla struttura. I servizi di statistiche utilizzano cookie per elaborare i propri dati. L'utente può disattivare i cookie modificando le impostazioni del browser.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su Informativa estesa. Continuando ad utilizzare il nostro sito acconsenti all’utilizzo dei cookie. 

Registro Eredità Immateriali

N. Prog.
2
Bene
Settimana Santa e Vare
Libro
REI - Libro delle celebrazioni
Data approvazione
25-01-2006
Categoria
Festa pasquale
Provincia
Caltanissetta
Località
Comune
San Cataldo
Denominazione locale
Notizie Cronologiche
Ricorrenza
Annuale
Data
Occasione
Morte e Rinascita del Cristo Salvatore
Funzione
Patronale, devozionale e propiziatoria, Devozionale/Patronale, Alimentare/Conservativa
Attori
Attori del corteo storico e della Scinnenza, portatori dei Sampauluna
Partecipanti
Clero e confraternite locali, comunità locale, turisti
Descrizione
La Settimana di Pasqua a San Cataldo ha inizio la sera della Domenica delle Palme alle 18, u Signuri lassa lassa la catina, viene portato in processione solenne dalla chiesa della Madonna Santissima delle Grazie nell’abitazione della famiglia prescelta da cui si muoverà per l’intero anno, con cadenza settimanale, in altre abitazioni private. La Domenica delle Palme il Crocifisso ritorna nella Chiesa di Maria SS. delle Grazie, per la funzione dell’Agonia e, a seguire, la processione che lo porterà nell’ennesima abitazione per l’anno a seguire. La commemorazione della passione del Cristo ha inizio il mercoledì con l’imponente corteo storico che coinvolge oltre 200 figuranti, con bighe, la corte di Erode, legionari romani, sacerdoti, principi e il popolo ebreo. Il corteo si apre con la scena del processo a Gesù e, attraverso dei commoventi quadri plastici, sono messi in scena momenti della passione di Cristo, dall’imposizione della croce sino al momento dell’incontro al Calvario con le pie donne. I riti della Settimana Santa proseguono il giovedì con la processione dei simulacri dell’Addolorata e di San Giovanni che vanno alla ricerca del Nazareno sostando in ogni chiesa del paese. Le due sculture sono condotte sino alla Chiesa du u Ratu dove si trova il Cristo morto. All'arrivo della Vergine, la porta della chiesa viene improvvisamente chiusa e la banda inizia ad intonare, u Chiantu di Mari, il Pianto della Madre, una marcia funebre dal forte contenuto emozionale. Il venerdì santo è il giorno più ricco di avvenimenti. Alle prime luci del mattino il clero e le confraternite si apprestano a prender parte alla Processione del Cristo, e la giornata prosegue con la “Processione delle Vare” e il tradizionale Ncuntru del Nazareno con l’Addolorata e San Giovanni. Il momento culminante e più teatrale è la cosiddetta Scinnenza, sacra rappresentazione di rievocazione della passione, morte e deposizione del Cristo, che chiude le celebrazioni della giornata. La domenica di Pasqua, la commemorazione del mistero della morte e resurrezione di Cristo terminano con “La Giunta,” l’incontro della Madonna con il figlio resuscitato, alla presenza dei Sampauluna o Santuna, raffiguranti gli undici apostoli. Dei giovani robusti, coperti in parte all’interno di queste macchine scultoree in cartapesta, conducono i Santoni a prelevare il Cristo resuscitato dalla Chiesa du U Ratu, per condurlo all’incontro con la Vergine.
Bibliografia
Cardella, Antonio. 2002. Santi riti e leggende del popolo siciliano. Palermo: Sigma.
 
Farina, Salvatore. 2002. Settimana Santa nella Provincia di Caltanissetta. Palermo: Krea.
Sitografia
Filmografia
Discografia
Note
L’autore del testo della Scinnenza è Francesco Medico, che lo compose nel 1845. La mimica degli attori, l’espressione dei loro visi e il tono del recitato riescono a restituire alla rappresentazione quella incisività ed immediatezza che finiscono per coinvolgere gli spettatori, a dispetto dell’incomprensibilità del testo. La rappresentazione coinvolge un gran numero di attori, tra cittadini e comparse. Si svolge su una struttura permanente costituita da una scalinata e da un palco con al centro una croce lignea.
U Chiantu di Mari rientra nel gruppo delle cosiddette Lamentanze, canti polifonici che arricchiscono il rituale della Passione, i cui testi rievocano la morte del Cristo. Il dramma è cadenzato dal lamento delle donne, piegate dalla disperazione ai piedi della croce, e dal dolore straziante della Vergine. In canto esprime tutto il dolore di una madre cui viene strappato il figlio.
Autore Scheda
Ester Oddo
Link esterni
 
Sanpauluna. Archivi della memoria e della ricerca_ Immagine1
Sanpauluna. Archivi della memoria e della ricerca_ Immagine2
Sanpauluna. Archivi della memoria e della ricerca_ Immagine3
Sanpauluna. Archivi della memoria e della ricerca_ Immagine4
Sanpauluna. Archivi della memoria e della ricerca_ Immagine5
Sanpauluna. Archivi della memoria e della ricerca_ Immagine6
Sanpauluna. Archivi della memoria e della ricerca_ Immagine7
Sanpauluna. Archivi della memoria e della ricerca_ Immagine8
Sanpauluna. Archivi della memoria e della ricerca_ Immagine9
Sanpauluna. Archivi della memoria e della ricerca_ Immagine10
Sanpauluna. Archivi della memoria e della ricerca_ Immagine11
Sanpauluna. Archivi della memoria e della ricerca_ Immagine12
 
Pasqua San Cataldese  [ultima consultazione 10-05-2016]
Turismo San Cataldo [ultima consultazione 10-05-2016]