Questo sito utilizza servizi di statistiche esterni alla struttura. I servizi di statistiche utilizzano cookie per elaborare i propri dati. L'utente può disattivare i cookie modificando le impostazioni del browser.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su Informativa estesa. Continuando ad utilizzare il nostro sito acconsenti all’utilizzo dei cookie. 

Registro Eredità Immateriali

N. Prog.
10
Bene
Detentori dei Saperi della Civiltà Mineraria
Libro
REI - Libro dei tesori umani viventi
Data approvazione
25-01-2006
Categoria
Saperi
Provincia
Caltanissetta
Località
Sicilia centro meridionale
Comune
Denominazione locale
I Surfatari
Notizie Cronologiche
Le miniere della provincia di Caltanissetta e in generale della Sicilia Centro meridionale costituiscono storicamente una risorsa importantissima per l'isola. Il bacino nisseno si distinse, dall'800 fino alla metà del '900, per l'estrazione di sale e zolfo. E’ proprio l'attività estrattiva di quest'ultimo minerale che rese Caltanissetta uno dei maggiori produttori mondiali di zolfo.
Ricorrenza
-
Data
Occasione
Funzione
Attori
Partecipanti
Descrizione
In tutta la Sicilia i lavoratori delle miniere hanno tratti comuni, tutti detentori di conoscenze che hanno fatto la storia della produzione mineraria dell'isola e tutti accomunati dalle stesse condizioni di vita e lavoro assolutamente difficili e precarie. 
Di queste condizioni di vita si sono occupati studiosi e letterati siciliani che hanno reso le loro opere manifesti di denuncia di quelle condizioni così al limite del rispetto della vita umana.
 
Angelo Petix, originario di Montedoro, in provincia di Caltanissetta, ha decantato nelle sue opere gli zolfatari della sua terra. Denunciava, in "La miniera occupata", che gli zolfatari erano uomini comuni, che soffrivano e pensavano, ma che venivano trattati come bestie da soma e schiavi. Come bestia da soma veniva trattato lu carusu,  ragazzo che, per contribuire al sostentamento della famiglia, iniziava a lavorare in tenera età nelle miniere. Questi poteva trasportare pesi enormi e per lunghissimi tragitti tra il caldo soffocante delle miniere e il freddo gelido delle zone esterne. Erano inoltre vittime costanti di infortuni, provocati non solo dal lavoro ma anche dai picconieri a cui erano affidati.
 
Il nisseno Calogero Bonavia ne "I servi dell'uomo" li definiva servi che camminavano nella notte, che non compravano il pane ma lo scavavano sotto terra.
I picconieri sono, per antonomasia, i lavoratori delle miniere, ai quali spettava il compito principale di estrarre il materiale roccioso. Lavoravano in condizioni estreme: nudi, con i piedi dentro l'acqua, a temperature elevatissime e in ambienti soffocanti, soggetti a numerose malattie.
 
Infine il nisseno drammaturgo e giornalista Pier Maria Rosso di San Secondo nella sua opera teatrale "La bella addormentata" descrive, come in un dipinto realista, il ritratto dello zolfataro dalla bocca serrata e dall'occhio pungente, del quale, continua, non si vede neanche un pelo di barba. Nell'opera il lavoratore della miniera viene colto e descritto durante il suo tempo libero. La sua descrizione vuole quasi rinnegare la violenza e la tristezza della sua condizione di lavoro dentro quegli angusti labirinti.
Fuori dalle miniere pochi sono i momenti di svago dei minatori. Malgrado il diniego da parte degli stessi lavoratori il canto può essere annoverato come una delle pratiche di svago che adottavano gli stessi per distaccarsi dalle loro condizioni di vita.
Il frammento che segue descrive proprio la negazione nei confronti di quel lavoro così disumano:
"Ch'avianu a cantari ddà intra? Ca si scinnia cu lu cori tantu!" "A la pirrera nun si cantava. Si bastimiava!"
Un esempio di canto di lavoro degli zolfatari viene riportato da Alberto Favara nel “Corpus di musiche popolari siciliane“ Questo canto può essere attribuito alle zone di Villarosa e Caltanissetta e si evidenzia in esso una peculiarità rispetto agli altri canti di mestiere:  alla fine del canto è riportata l’annotazione «Alla fine di ogni frase tutti fanno forza con un suono gutturale staccando il minerale».
Il canto in questione è formato da quattro versi:
Ca sutta 'nta stu 'nfernu puvireddi
nui semu cunnanati ‘a tirannia
a manu di li lupi su’ l’agneddi
ciancitini cianciti, mamma mia
 
Confronta schede:
Bibliografia
Addamo, Sebastiano. 1989. Zolfare di Sicilia. Palermo: Sellerio editore.
 
Barone, Giuseppe. 2002. Le vie del Mezzogiorno. Storia e scenari. Roma: Donzelli Editore.
 
Mack Smith, Denis. 1976. Storia della Sicilia medievale e moderna.,Bari: Editori Laterza.
 
Squarzina, Federico. 1963. Produzione e commercio dello zolfo in Sicilia nel secolo XIX. Torino: ILTE.
Sitografia
Filmografia
Discografia
Note
Autore Scheda
Francesca Maria Riccobene
Link esterni
 
Pòviri svinturati surfarara - Poesia. Fondo Folkstudio. Raccolta 03-bob. 58-62 - Archivio Etnografico Siciliano
 
Inchiesta per le solfare di Sicilia del 15/12/1951. Video. Archivio Storico Istituto Luce. 
 
Tragedia nella miniera del 21/2/1958. Video. Archivio Storico Istituto Luce. 
 
Binocolo. Caltanissetta natura magica. Andato in onda 16/5/1989. Archivio Rai Regione Sicilia.
 
Surfara, Vittorio De Seta (Vedi scheda del documentario) - Youtube
 
Il campanile [ultima consultazione 26-04-2016]